tumulto s. m. [dal lat. tumultus -us, d’incerta origine]. – 3. fig. Agitazione confusa di stati d’animo contrastanti, stato di grave concitazione spirituale: un tumulto di pensierid’ideedi affettidi opposti sentimentiavere i pensieril’animola mente in tumultoavere un tumulto nel cervello o avere il cervello in tumultonel primo giovanil tumulto di contenti, d’angosce e di desio (Leopardi); giunto, tra il tumulto di questi pensieri, alla porta di casa sua, … mise in fretta nella toppa la chiave (Manzoni); fa tacere queste grida e il tumulto che ho nell’anima mia! (D’Annunzio)
Enciclopedia Treccani

Il tumulto delle strade
sarà il tumulto del cuore
nella luce smarrita.

Sarai tu – ferma e chiara.

Cesare Pavese
(1950)

Tu intendi vero?
Qui non si tratta di gioia.
Io mi consacro al tumulto:
al godimento, che è tutt’uno col dolore,
all’odio che nasce dall’amore,
al tedio che ristora.
Quel che è toccato in sorte
a tutta l’umanità,
io lo voglio godere
entro me stesso.
Voglio con lo spirito attingerla, quell’umanità,
nel più alto e nel più profondo,
e che il suo bene e il suo male
s’addensino entro il mio petto.
Dilatare me stesso
fino al suo sé stesso.
E alla fine, come lei e con lei, fare naufragio!

Johann Wolfgang Goethe
Faust (1831)

Segui il tumulto anche su

CAGNARA

Un programma di Camilla Galli @camillagalli1911
con Alessio Modica @dedomodica

ogni domenica alle 13
su Radio Città Fujiko